La novena di Natale Stampa
Scritto da ReMinore   
Domenica 07 Dicembre 2014 00:00

La Novena del Santo Natale, le cui origini risalgono agli inizi del 1700, è una pratica devozionale consistente nella recitazione di vari testi che invocano la venuta di Gesù e preparano spiritualmente i fedeli a questo evento. Si celebra nei nove giorni (da qui il nome Novena) precedenti il Natale, e cioè dal 16 Dicembre.

Come accade per altri eventi a sfondo religioso (la Passione di Cristo, la festività di Sant’Antonio, l’Epifania…), la devozione popolare si innesta sull’evento, utilizzando modi e forme tipici della tradizione. Accade così che intorno alla Novena del Santo Natale sia fiorita una grande varietà di rappresentazioni popolari, in parte nel solco dello svolgimento canonico, in parte più liberamente ispirate.

In Sicilia la tradizione delle Novene di Natale è ancora molto viva e presente, ed assume forme di canto e di musiche strumentali. Una delle immagini più conosciute e diffuse è quella degli zampognari (ciaramiddari), che di solito accompagnano in coppia (zampogna e ciaramella) i canti della Novena. Per questo tipo di rappresentazione la zampogna più diffusa ed utilizzata è quella cosiddetta ‘a paru’ (così chiamata per la lunghezza identica dei bordoni).

A Monreale questa tradizione è legata a uno strumento musicale unico in tutta Italia, la grande zampogna a chiave detta anche 'zampogna gigante'. Oltre alla particolarità delle dimensioni, come indica il nome (la canna più grande, trummuni, sfiora il metro e mezzo), questo strumento ha la peculiarità di essere intonata in tonalità minore. Ascoltatene la voce, evocativa e struggente:

http://www.youtube.com/watch?v=v_FUZeCFnuM

https://www.youtube.com/watch?v=jFrEIwZJBpo

Per approfondire vi segnaliamo il bellissimo articolo I SUONI DELLA NATIVITA' di Sergio Bonanzinga: http://sicilyweb.com/natale/5.htm

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 02 Dicembre 2015 19:14
 
Condividi su...