Raganella Stampa
Scritto da ReMinore   
Giovedì 26 Agosto 2010 20:23

E' uno strumento idiofono costituito da una una ruota dentata di legno che fatta girare attraverso una manovella, pizzica con i denti una lamella, anch'essa di legno, producendo un caratteristico rumore simile al gracidio delle rane: da qui il nome appunto "Raganella".
Di origini molto antiche, è molto diffusa come strumento popolare ed anche come semplice gioco, ma è stata qualche volta utilizzata anche in orchestra.
Un suo tipico uso era nel periodo della "Settimana Santa" quando sostituiva le campane, legate fino al Sabato Santo in segno di lutto, per chiamare a raccolta i fedeli. Di solito veniva affidata ai chierici o ai ragazzi del paese che passavano per le vie facendola suonare in modi diversi a seconda dell'occasione (messa, mezzogiorno, Ave Maria, funzione funebre...).

raganella

Nelle Marche la stessa funzione veniva svolta da uno strumento chiamato "battistangola", una specie di tavoletta in legno con impugnatura con applicati una maniglia metallica e delle borchie sulle quali la maniglia sbatteva provocando rumore.

battistangola

 

Per saperne di più:

Le percussioni - Autore: Guido Facchin - Editore:EDT - Collana:I manuali EDT/SIDM

Ultimo aggiornamento Venerdì 27 Agosto 2010 08:50
 
Condividi su...