Benvenuti in ReMinore!

Benvenuti nel nuovo sito di ReMinore. Grafica e colori sono cambiati ma lo spirito del sito resta lo stesso e grazie alla nuova possibilità di gestione dei contenuti potremo arricchire ulteriormente le sezioni anche attraverso i contributi di chi vorrà partecipare alla comunità degli appassionati della musica minore. Per inviare i vostri contributi registratevi nell’area login. E iniziamo insieme il nuovo viaggio…

 

 

 

 

musica popolare, musica etnica, strumenti popolari, musica folk, etnofolk, new folk, zampogna, ciaramella, organetto, chitarra battente, ghironda, strumenti etnici, musica tradizionale, strumenti tradizionali

 

 

 

Home Musei strumenti

Link utili

Siti web sulla musica popolare
S.M.P. Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli
R.I.C.P. Rete Italiana Cultura Popolare
Blogfoolk Storie, suoni e visioni sulla strada del folk
Il Giornale della Musica Mensile di cultura e informazione musicale
Felmay Etichetta discografica, booking, vendita CD
Folkest International Folk Festival
Istituto E. De Martino Per la conoscenza critica e la presenza alternativa del mondo popolare e proletario
Discoteca di Stato Istituto Centrale per i Beni Sonori e Audiovisivi
Mescalina Rivista on-line di musica e cultura
Italian Folk Radio Internet radio station di musica Italiana
Materiali sonori Etichetta discografica, vendita CD
cdRoots Web store di musica etnica di tutto il mondo
Pizzicata.it Portale di musica tradizionale
Taranta Centro studi e ricerche sulla danza tradizionale in Italia
RadiciMusic CD, libri, metodi di musica etnica italiana
Suoni della terra Sito Ufficiale di Alessandro Mazziotti
Alfonso Toscano Il sito della chitarra battente
Tavola tonda Centro delle arti e delle culture
Pizzica e dintorni Musica dell'Italia centro-meridionale e Web Radio

Shinystat


Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates
Musei strumenti PDF Stampa E-mail
Scritto da ReMinore   
Giovedì 26 Novembre 2009 21:52

 

Museo dello Strumento Musicale

Il Museo dello Strumento Musicale di Reggio Calabria è un'istituzione che acquisisce, conserva, studia, valorizza ed espone strumenti musicali provenienti da ogni parte del mondo e appartenenti alla cultura musicale etnica, a quella tradizionale popolare, a quella occidentale "colta". Vi sono esposti circa 800 strumenti catalogati secondo le cinque famiglie di idiofoni, membranofoni, aerofoni, cordofoni e meccanico-elettrici.


 

Museo della Zampogna di Scapoli

Via Vico S. Maria - Scapoli (IS) Tel. 0865 954270- Fax: 0865.954505 Sito internet: http://www.museodellazampogna.it e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Nel museo, dislocato su tre piani, è possibile ammirare, tematicamente catalogate, tante zampogne di ogni parte del mondo e prodotte in varie epoche, strumenti a fiato di rara bellezza, una vasta documentazione iconografica e letteraria, oltre a foto d'epoca e la riproduzione di un'antica bottega artigiana.


 

Associazione culturale "Circolo della Zampogna" di Scapoli

Mostra Permanente di Cornamuse Italiane e Straniere - Piazza Martiri di Scapoli - Scapoli (IS) - Tel. 0865 954002 - 954086 - www.zampogna.org - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Il percorso espositivo è articolato in due sezioni: la prima, dedicata alle zampogne molisane e agli altri strumenti a sacco italiani; la seconda, alle cornamuse europee ed extra-europee. Dei circa 120 strumenti della collezione, non tutti sono cornamuse. Una parte del patrimonio è, infatti, costituita da altri strumenti; alcuni dei quali variamente connessi ai repertori connotanti l’uso musicale degli aerofoni a sacco nel tempo e nei rispettivi luoghi di origine, altri costituenti il primo nucleo di una futura sezione dedicata agli strumenti etnici e tradizionali in senso più ampio (oboi e flauti popolari di diversa provenienza, a cui si aggiungono idiofoni, membranofoni e cordofoni).


 

Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari

Direttore: Maura Piccai - Piazza Marconi, 8/10 Roma (Eur) -Tel. 06/5926148 - 06/5910709 - 06/5912669 Fax 06/5911848  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - Sito web: http://www.idea.mat.beniculturali.it/il-museo

Il Museo è nato dalla Mostra di Etnografia Italiana, tenuta a Roma nel 1911 per celebrare il cinquantenario dell'Unità d'Italia. La Mostra fu coordinata dall'etnologo Lamberto Loria, che nel 1906 aveva già fondato il Museo Etnografico di Firenze.

Dopo aver compiuto numerose spedizioni di studio in paesi extraeuropei, Loria si rese conto, durante un breve soggiorno nel Sannio, che era necessario compiere ricerche etnografiche anche nell'Italia degli inizi del Novecento. Occorreva infatti documentare quella cultura agro-pastorale che all'epoca stava subendo grandi trasformazioni, a causa della progressiva industrializzazione e della conseguente emigrazione dai centri rurali.

Loria raccolse oltre trentamila oggetti per la Mostra del 1911, con l'aiuto di collaboratori, insegnanti e studiosi locali, che si attivarono nelle varie regioni. A esposizione conclusa, venne proposta l'istituzione di un museo nazionale, ma la morte dello stesso Loria, avvenuta nel 1913, e l'avvento della prima guerra mondiale ritardarono la realizzazione del progetto.


 

Museo degli strumenti musicali Don Giovanni Dore

Via Adua 7 - 09080 Tadasuni (OR) - 0785 50113

La preziosa raccolta è frutto di una pluridecennale ricerca sul campo, condotta dal sacerdote Giovanni Dore e tesa contemporaneamente a documentare danze, suoni e canti tipici delle varie regioni dell'isola.

L'ideatore di questa mostra permanente è conosciuto anche per le sue pubblicazioni nel campo della musica popolare sarda, quali ad esempio: Gli strumenti della musica popolare in Sardegna, I testi del dramma silenzioso del venerdì Santo ed Il rito degli strepiti.

La Sardegna è sempre stata una terra musicalmente ricca, dove il ballo, il canto e i tipici suoni degli strumenti tradizionali, erano considerati componenti essenziali della vita dei suoi abitanti. Unica nel suo genere, la collezione rispecchia efficacemente il mondo della musica strumentale tradizionale isolana.


 

Museo Cultura e Musica Popolare dei Peloritani

Villaggio Gesso - Messina - tel. 090 53045 - 338 85865063

Inaugurato nel dicembre 1996, grazie all’Amministrazione Comunale di Messina, il museo Cultura e Musica Popolare dei Peloritani di Gesso (Messina) ospita un’originale e cospicua collezione di strumenti musicali popolari provenienti dall’area Messinese e una significativa campionatura di oggetti d’uso quotidiano della cultura pastorale dei Peloritani.

Sito web: http://www.museomusicapeloritani.it

 

Museo delle Feste - Centro di Documentazione Demologico - Quadrelle (AV)

http://museodellefeste.centrodidocumentazione.it/index.htm

 


 

Museo delle Tradizioni Popolari di Offida (AP)

Palazzo De Castellotti - Via Roma, 17 - Tel. 0736 88871 - Offida (AP)

Il Museo delle Tradizioni Popolari è stato fondato nel 1986 da alcuni docenti della scuola media locale "G. Ciabattoni" con il nome Museo della civiltà contadina ed artigiana.

Il criterio adottato per l'espoizione mira a far comprendere funzione e contesto di appartenenza di ogni singolo oggetto.

Suddiviso in tre grandi settori, offre la possibilità al visitatore di effettuare un viaggio alla scoperta della vita quotidiana del territorio piceno, attraverso i reperti dell'artigianato rurale ed urbano.


 

Museo della Vita e delle Tradizioni Popolari Sarde

Via A. Mereu, 56 - 08100 Nuoro - Telefono: 0784 257035 / 0784 242900 - Fax 0784 37484 / 0784 253943 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - Sito Web: http://www.isresardegna.it
Il Museo della Vita e delle Tradizioni Popolari Sarde e' il maggiore museo etnografico della Sardegna; unico istituto museale di diretta emanazione della Regione Sarda, rivolge la sua attivita' di documentazione e ricerca all'intero territorio regionale


 

Museo degli strumenti musicali - Castello Sforzesco - Milano

La prima delle sale del civico museo del Castello Sforzesco di milano dedicate agli strumenti musicali, ospita una raccolta di strumenti a tastiera. La formazione di questa raccolta risale agli anni Cinquanta, quando il Comune di Milano opero` l'acquisto della collezione Gallini, ma e` assai apprezzata per la ricchezza e la varieta` dei pezzi, che rendono omaggio soprattutto alla tradizione della liuteria lombarda. Nelle sale successive si osservano gli strumenti a pizzico del XVI-XVII secolo (tiorbe, liuti, arciliuti, cetre e salteri), le chitarre e gli strumenti ad arco, per i quali sono divenute famose le famiglie cremonesi degli Amati e dei Guarneri nel Seicento. Anche gli strumenti a fiato sono assai interessanti, a partire dagli antichi olifanti e corni da caccia, i numerosi legni (flauti, oboi, clarinetti, corni inglesi e fagotti). Numerosi i pezzi di altissimo valore, quali il doppio virginale di Hans Ruckers, con le caratteristiche decorazioni, la chitarra a 5 ordini doppi di corde di Mango Longo, un clavicembalo Veneziano della metà del Cinquecento, un oboe in avorio di Johannes Maria Anciuti (1722) ed una rara glassharmonica. Da segnalare anche la sezione dedicata agli strumenti extraeuropei e le due sale (XXXIV e XXXV) che ospitano la donazione Antonio Monzino (2000).

Tratto dalla sezione del sito ufficiale del Castello Sforzesco di Milano.

MUSEI DEL CASTELLO

http://strumentimusicali.milanocastello.it

chiusi il lunedì (compresi festivi)
biglietteria: tel. 02/88463703
Consigliata la prenotazione per le scolaresche
Orari: 9.00 - 17.30 (l'accesso è consentito fino alle ore 17.00)
Chiusura per le seguenti festività:
25 dicembre, 1 gennaio, 1 maggio, lunedì di Pasqua


 

Museo degli Strumenti Musicali Medievali e Rinascimentali - ATRI (TE)

 

Il Civico Museo Didattico degli strumenti musicali Medioevali e Rinascimentali è stato inaugurato il 12 agosto 2000. E' nato grazie alla passione per la musica medievale del M.o Gianpiero Catelli, attuale Direttore del Museo, ha la sua sede nel Palazzo Acquaviva e dispone di 5 sale dove si possono ammirare ben 52 pezzi, riferiti ad epoche che vanno dall'VIII secolo d.c. alla fine del XVI secolo. Il termine "Didattico" sta a significare che gli strumenti in esso esposti non sono originali, ma ricostruiti su varie basi storiche. I numerosi pezzi esposti sono classificabili in:

 

- strumenti a corde: quali il Monocordo, strumento scientifico che la tradizione attribuisce a Pitagora; la Viella e la Ribecca, strumenti ad arco che sono gli antenati degli attuali Violino, Viola, Violoncello e Contrabbasso; il Liuto, la Lira, l'Arpa gotica e romanica e diversi Salteri a pizzico (diventati in seguito Clavicembali, Spinette e Virginali);

 

- strumenti a percussione: quali il Salterio e la Ghironda. Questi strumenti derivano da antenati ad arco dove l'arco è stato sostituito da una ruota che, messa in movimento tramite una manovella, mette in vibrazione le corde;

 

- strumenti a fiato: rappresentati dal Flauto a tre fori, dal doppio Flauto, dal Flauto diritto o dolce, dal Flauto tedesco (o traverse), dal Cornetto, dalle Ciaramelle e dalle Launeddas;

 

- strumenti a percussione e idiofoni: appartengono a questo genere il Tamburello, la Tamorra, il Tamburo quadrato, l'Arrazzi e il Carillon di campane (strumento molto in voga nel medioevo, a giudicare dalle numerose raffigurazioni nei dipinti dell'epoca).

 

Il Museo ha lo scopo di far conoscere quelle meraviglie sonore che, direttamente o indirettamente, sono stati gli antenati dei moderni strumenti musicali.

 

Info, e prenotazioni per il servizio guida: SOCIETÀ COOPERATIVA “IL FILO DI ARIANNA” VIA S. PIETRO • ATRI (TE) TEL. 085.87721 | NUMERO VERDE 800 630 955 • Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

http://www.visitaatri.it/content.aspx?lang=1&s=8


 

Museo etnografico Francesco Bande

Per chi volesse saperne di più sul popolo sardo, suggeriamo una visita al Museo Etnografico Francesco Bande. Si trova a Sassari, in Via Muroni 44. Vi sono esposti antichi costumi da sposa, i costumi giornalieri e da vedova di alcune zone dell’isola, raccolti e conservati dal maestro Bande. Alcuni risalgono al 1700. Si possono inoltre ammirare strumenti musicali tipici dell’isola, come ad esempio le launeddas, strumento musicale usato dai pastori sardi.

 

Il Circolo Folkloristico prende il nome da Francesco Bande, organettista di fama internazionale di rara bravura, conosciuto in ogni angolo dell’isola e ricordato da chiunque ami la musica ed il folklore della Sardegna.

 

Una parte del museo è dedicata proprio alla raccolta di organetti diatonici del maestro.

 

Circolo Culturale Folkloristico "Francesco Bande"

Via Muroni, 44 - 07100 Sassari - Tel.fax: 079 236572 . Sito web

 

Orari e visite:

Orario: 10:00 - 12:00 dal lunedì al venerdì Per studenti e scolaresche il museo è aperto anche il sabato e la domenica su prenotazione al numero: 079 236572.


 

MUSA - Museo degli strumenti musicali - Accademia Nazionale di Santa Cecilia

Il Museo di Strumenti Musicali dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia possiede una delle principali collezioni italiane di strumenti, i cui pezzi più pregiati sono ora visibili nella galleria espositiva. La collezione, insieme alle raccolte storiche e documentarie della bibliomediateca, è un naturale complemento alle attività dell'Accademia, è parte della sua storia, così come del suo presente di istituzione musicale e formativa. 

Oltre all'attività espositiva, vengono svolte anche:

Attività educative: Visite guidate, laboratori e giochi in museo e in bibliomediateca
Attività scientifiche: Il museo oltre ad esporre parte della propria collezione, conduce studi e ricerche su di essa, condividendone il più ampiamente possibile i risultati.
Stage: Presso il museo è possibile effettuare stage formativi volontari della durata da tre a sei mesi. Gli stage si svolgono prevalentemente in accordo con università e istituzioni riconosciute.

ORARI: Da ottobre a giugno il museo è aperto tutti i giorni. Dal lunedì al venerdì è aperto dalle 11 alle 17. Sabato e domenica apre dalle 11 alle 18. Chiuso il giovedì. Nei mesi di luglio e settembre il museo è visitabile solo su prenotazione. Nel mese di agosto è chiuso al pubblico.

Auditorium
Parco della Musica
largo Luciano Berio 3
00196 Roma
tel. +39 06 80242.382

Info e contatti

 

Museo delle Tradizioni Musicali di Arsoli (Roma)

Il museo è stato realizzato con il contributo scientifico dell'etnomusicologo Erasmo Treglia ed è costituito da strumenti musicali, fotografie, documenti e memorie. Comprende anche postazioni informatiche e video.
La suddivisione degli strumenti esposti è in base alla loro destinazione d'uso tradizionale: agro-patorale, urbano-artigiano, religioso, bandistico.
La sezione fotografica evidenzia attraverso dettagli di mani che suonano e costruiscono o volti tesi nel canto, quanto la musica non sia fatta solo con le orecchie ma con tutto il corpo attraverso saperi stratificati dall'esperienza.

Indirizzo: Borgo San Bartolomeo n. 63
Telefono: 0774 920290 (Pro Loco)
Fax: 0774 705668
Email:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Fa parte di: Sistema Museale Territoriale della Media Valle dell’Aniene "MedAniene"

 

Centro Etnomusicologico d'Abruzzo - Pineto (TE)

Il Centro Etnomusicologico d'Abruzzo, allestito al primo piano di Villa Filiani posizionata al centro di Pineto, mette a disposizione dei visitatori i beni demo-etno-antropologici immateriali appartenenti alla cultura tradizionale abruzzese.
I beni immateriali, che caratterizzano la cultura dell'oralità, sono essenziali per conoscere meglio il carattere ed il comportamento degli abitanti di un territorio. Questi beni, considerata la loro fragile natura legata all'oralità, risentono sempre più dello scorrere del tempo e dei mutamenti socio-culturali e man mano sono soggetti a scomparire perchè, a differenza di un passato non molto lontano, oggi la cultura orale non si tramanda più attraverso il passaggio generazionale.


Villa Filiani Teche
Struttura del centro

Punto di accoglienza, con sezione dedicata alle pubblicazioni di libri, CD e quaderni didattici per le scuole
Tavole descrittive illustrate, disposte lungo il percorso museale, le tavole descrivono il ciclo calendariale festivo e lavorativo della società agraria, gli strumenti musicali ed i portatori della tradizione
Sezione etno-organologica, con esposizione di zampogne zoppe, zampogne a chiave ciaramelle, pifferi, tamburi e grancasse a cordiera tamburi a frizione, chitarre, chitarre battenti, organetti, mandolini, strumenti ritmici...
Postazioni multimediali, per l'accesso all'archivio multimediale contenente i documenti audio-visivi(immagini, filmati e tracce audio) sulla musica di tradizione orale abruzzese: canti sul lavoro, canti a serenata, stornelli amorosi, allusivi e di sdegno, filastrocche, ninna nanne, ballate, storie, orazioni, canti devozionali canti di questua, canti di pellegrinaggio.

Centro Etnomusicologico d'Abruzzo
Villa Filiani • V.le G.D'annunzio 64025 Pineto (Te) Italy
Per informazioni: I.A.T. 085.9491745
Per visite guidate ed iniziative:
Ass. Cult. Il passagallo
Carlo Di Silvestre (etnomusicologo)
tel. 338.7070751
e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Apertura al pubblico
Martedì - Mercoledì - Venerdì(*)
dalle ore 21,00 alle 23,30

ore 22,30 - 23,30 incontri tematici del Giovedì

(*)L'eventuale spostamento momentaneo delle aperture sarà comunicato preventivamente.

Gli incontri tematici del Giovedì, programmati settimanalmente saranno tenuti da:
Carlo Di Silvestre(etnomusicologo)
Gruppo di riproposta Il passagallo
Gruppo Univ. Tradizioni Popolari(danze)
Studiosi,musicisti e portatori della tradizione.


 

Museo degli strumenti etnico musicali - Chiaromonte Gulfi (RG)

Collocato nello storico Palazzo Montesano, occupa sette sale del piano nobile del palazzo, e contiene ben 600 strumenti musicali provenienti da tutte le parti del mondo. La raccolta va attribuita al genio “esplorativo” e alle “curiosità” del modicano Duccio Belgiorno.

Si tratta di reperti rari, a volte unici, alcuni dei quali introvabili, perché provenienti da paesi, dove allo stato non è consentito il visto di ingresso, come il Tibet, del quale si presentano due flauti, dal suono originalissimo, ricavati da “tibie umane” e splendidamente intarsiati, e un membranofono (tamburo bipelle: damaru), che utilizza calotte craniche “umane” come cassa armonica. Unicità di esemplari, da sola indicativa del valore intrinseco della collezione.

Il museo comprende un numero significativo di strumenti etnico-tribali, provenienti da zone remote dell'Africa centrale, dell'Asia, delle Americhe, e in particolare della Papuasia e della Nuova Guinea. Raccoglie, fra l’altro, una interessante collezione di zanze (idiofoni a pizzico) e pezzi provenienti da Kenya, Rhodesia, Botswana, Zimbabwe; tre splendidi charanghi argentini ricavati da carapace di armadillo, e balalaike provenienti da paesi slavi; birimbao dal Brasile; tre sytar indiani, e centinaia di altri esemplari.

Un planisfero colorato e ricco di riferimenti etnici, grande come la parete su cui si staglia, accoglie il visitatore e gli trasmette la radice simbolicamente planetaria del museo.

Orari di apertura
Dal Lunedì al Venerdì ore 8:30 - 13:30 (telefono 3338138648)
Sabato ore 9.30 - 13.00  ore 15.30 - 19.00 
Domenica e festivi ore 9:30 - 13:00, ore 15:00 – 18:00

Dal 24 giugno e fino al 31 agosto di ogni anno
Dal Lunedì al Venerdì ore 8:30 - 13:30
Sabato dalle ore 10.00 alle ore 13:00 e dalla ore 18:00 alla ore 21:00
Domenica e festivi dalle ore 18.30 alla ore 22:00 Biglietto d' ingresso

Un solo museo € 1,00. Tutti i musei € 4,00. Ridotto (scuole e comitive) € 2,00.
Per informazioni e prenotazioni : tel. 0932 711239 - 0932 928219 (fax)

 

 

Ultimo aggiornamento Domenica 08 Gennaio 2017 18:42