Benvenuti in ReMinore!

Benvenuti nel nuovo sito di ReMinore. Grafica e colori sono cambiati ma lo spirito del sito resta lo stesso e grazie alla nuova possibilità di gestione dei contenuti potremo arricchire ulteriormente le sezioni anche attraverso i contributi di chi vorrà partecipare alla comunità degli appassionati della musica minore. Per inviare i vostri contributi registratevi nell’area login. E iniziamo insieme il nuovo viaggio…

 

 

 

 

musica popolare, musica etnica, strumenti popolari, musica folk, etnofolk, new folk, zampogna, ciaramella, organetto, chitarra battente, ghironda, strumenti etnici, musica tradizionale, strumenti tradizionali

 

 

 

Home L'ottava rima cantata

Link utili

Siti web sulla musica popolare
S.M.P. Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli
R.I.C.P. Rete Italiana Cultura Popolare
Blogfoolk Storie, suoni e visioni sulla strada del folk
Il Giornale della Musica Mensile di cultura e informazione musicale
Felmay Etichetta discografica, booking, vendita CD
Folkest International Folk Festival
Istituto E. De Martino Per la conoscenza critica e la presenza alternativa del mondo popolare e proletario
Discoteca di Stato Istituto Centrale per i Beni Sonori e Audiovisivi
Mescalina Rivista on-line di musica e cultura
Italian Folk Radio Internet radio station di musica Italiana
Materiali sonori Etichetta discografica, vendita CD
cdRoots Web store di musica etnica di tutto il mondo
Pizzicata.it Portale di musica tradizionale
Taranta Centro studi e ricerche sulla danza tradizionale in Italia
RadiciMusic CD, libri, metodi di musica etnica italiana
Suoni della terra Sito Ufficiale di Alessandro Mazziotti
Alfonso Toscano Il sito della chitarra battente
Tavola tonda Centro delle arti e delle culture
Pizzica e dintorni Musica dell'Italia centro-meridionale e Web Radio

Shinystat


Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates
L'ottava rima cantata PDF Stampa E-mail
Scritto da ReMinore   
Domenica 15 Novembre 2009 16:41

In Italia esiste una forma espressiva che appartiene tanto ai grandi scrittori trecenteschi come Boccaccio, quanto alla gente delle campagne e montagne dell’Italia centrale. Si tratta delle strofe in “Ottava rima”. Tecnicamente l’ottava (o ottava rima) è una strofa composta da otto endecasillabi, di cui i primi sei a rima alterna e due a rima baciata, secondo lo schema ABABABCC. Compare già alla fine del secolo XIII come metro della poesia "narrativa", nei poemi cavallereschi francesi e in quelli franco-italiani.
Dal quindicesimo secolo la figura del poeta che canta in improvviso inizia ad essere distinta da altri tipi di artisti (come menestrelli e contastorie).
Mano a mano questa forma espressiva è entrata a far parte del mondo tradizionale con le caratteristiche di improvvisazione, spesso utilizzata anche per sfide e confronti tra rimatori chiamati anche poeti estemporanei o Bernescanti.
I momenti festivi, le ricorrenze (befanate e maggi) ma anche le pause di lavoro o le occasioni di ritrovo (come fiere, pranzi di matrimonio, momenti cerimoniali ecc.) insieme agli incontri di poesia a braccio (riunioni fatte per ascoltare i poeti su temi a contrasto) sono divenute le occasioni di maggior diffusione dell’ottava rima cantata.
Oggi la tradizione resta viva grazie a gruppi di appassionati, associazioni e forse anche al “lustro” conferitole da personaggi di fama nazionale come Davide Riondino, Francesco Guccini e Roberto Benigni che si cimentano con grande abilità in questa arte.
Uno degli appuntamenti più importanti è la festa di Ribolla, in provincia di Grosseto, dove ogni anno partecipano all'evento i migliori poeti improvvisatori della Toscana e del Lazio.
In un piccolo paese montano tra Marche e Lazio, Spelonga, ogni tre anni si tiene la “Festa bella” nata per ricordare la partecipazione di trecento abitanti di questo paesino montano alla battaglia di Lepanto del 1571 (potete approfondire l’incredibile e affascinante storia nel sito www.spelonga.it ). Nelle giornate della festa è possibile ascoltare sfide di poesia estemporanea in ottava rima. Ve ne riportiamo una del poeta Francesco Casini dedicata proprio alla battaglia di Lepanto.

Un inchino farei alla bandiera
e del soldato le gelide ossa
io bacerei con calda preghiera;
ma credo che ignorata sia la fossa.
Ei si scagliò sulla nemica schiera
incitando i cristiani alla riscossa;
un labar ei strappò con la vittoria
per dare alla Spelonga onore e gloria.


Per approfondire l’argomento:
http://www.pannostrale.it/improvvisatori.html
http://www.estemporanearibolla.it/

Ultimo aggiornamento Sabato 19 Gennaio 2013 17:04