Carnevale festa di popolo per il popolo

Il Carnevale ha radici popolari antichissime, probabilmente nei Saturnalia, feste in onore di Saturno celebrate dai romani in questo periodo dell’anno, dentro cui erano confluiti nel tempo gli antichi riti agrari purificatori e propiziatori, che segnavano il principio del nuovo ciclo stagionale. Verso la metà di febbraio moriva l’inverno e con il carnevale si accoglieva …
Continua a leggere Carnevale festa di popolo per il popolo

Questua di Sant’Antonio

L’usanza popolare dei canti di questua affonda le sue radici nella cultura dell’ospitalità, legata all’impossibilità di sapere se il forestiero che bussava all’uscio di casa fosse realmente un uomo o viceversa un dio sotto spoglie umane. Questa insicurezza è una delle fonti della cultura dell’accoglienza, quella cultura che impone di dimostrare benevolenza al viandante, viaggiatore …
Continua a leggere Questua di Sant’Antonio

La tradizione delle Pasquelle

L’usanza popolare dei canti di questua affonda le sue radici nella cultura dell’ospitalità, legata all’impossibilità di sapere se il forestiero che bussava all’uscio di casa fosse realmente un uomo o viceversa un dio sotto spoglie umane. Questa insicurezza è una delle fonti della cultura dell’accoglienza, quella cultura che impone di dimostrare benevolenza al viandante, viaggiatore …
Continua a leggere La tradizione delle Pasquelle

La novena di Natale

La Novena del Santo Natale, le cui origini risalgono agli inizi del 1700, è una pratica devozionale consistente nella recitazione di vari testi che invocano la venuta di Gesù e preparano spiritualmente i fedeli a questo evento. Si celebra nei nove giorni (da qui il nome Novena) precedenti il Natale, e cioè dal 16 Dicembre. Come …
Continua a leggere La novena di Natale

La tradizione delle paranze

Fin dal ‘400 associazioni di devoti, dette Paranze, suonavano musica popolare durante il pellegrinaggio al santuario della Madonna. La tradizione è giunta fino a noi e oggi ascoltiamo la loro musica ripercorrendo tra culto e tradizione il ritmo delle tammurriate. Una delle Paranze più travolgenti è quella di Antonio Matrone, detto o’ lione, che da …
Continua a leggere La tradizione delle paranze

La notte dei bufù

Nel Molise, la notte di San Silvestro è “la notte dei bufù“, durante la quale si eseguono le maitunate, i canti augurali e di questua intonati per il Capodanno. Maitunata (o maitenata) sta per “mattinata”; fare cioè festa nell’attesa del mattino, del nuovo giorno e del nuovo anno. Infatti, l’incipit di molte maitunate era Bonnì …
Continua a leggere La notte dei bufù

Il cantamaggio

L’usanza popolare dei canti di questua affonda le sue radici nella cultura dell’ospitalità, legata all’impossibilità di sapere se il forestiero che bussava all’uscio di casa fosse realmente un uomo o viceversa un dio sotto spoglie umane. Questa insicurezza è una delle fonti della cultura dell’accoglienza, quella cultura che impone di dimostrare benevolenza al viandante, viaggiatore …
Continua a leggere Il cantamaggio

I canti di passione

I canti di passione del giovedì o venerdì santo sono sicuramente una forma antichissima di teatro popolare, in cui il canto accompagna la rappresentazione mimica del martirio di Cristo, spesso con figuranti in costume. In tutta Italia ritroviamo una radicata tradizione che si svolge nella settimana tra la domenica delle palme e Pasqua, che porta strada …
Continua a leggere I canti di passione

L’ottava rima cantata

In Italia esiste una forma espressiva che appartiene tanto ai grandi scrittori trecenteschi come Boccaccio, quanto alla gente delle campagne e montagne dell’Italia centrale. Si tratta delle strofe in “Ottava rima”. Tecnicamente l’ottava (o ottava rima) è una strofa composta da otto endecasillabi, di cui i primi sei a rima alterna e due a rima …
Continua a leggere L’ottava rima cantata