Pinuccio Sciola e le pietre sonore

Pinuccio Sciola è scomparso il 13 maggio 2016. Per tutte le attività della Fondazione Sciola, che prosegue l’opera del Maestro, vi rimandiamo al sito ufficiale www.fondazionesciola.it. Conserviamo questo articolo, scritto anni fa, nel ricordo della sua opera. Pinuccio Sciola è uno scultore di fama internazionale originario di San Sperate, comune sardo in provincia di Cagliari. Sembreremmo molto lontani …
Continua a leggere Pinuccio Sciola e le pietre sonore

La tradizione delle paranze

Fin dal ‘400 associazioni di devoti, dette Paranze, suonavano musica popolare durante il pellegrinaggio al santuario della Madonna. La tradizione è giunta fino a noi e oggi ascoltiamo la loro musica ripercorrendo tra culto e tradizione il ritmo delle tammurriate. Una delle Paranze più travolgenti è quella di Antonio Matrone, detto o’ lione, che da …
Continua a leggere La tradizione delle paranze

La notte dei bufù

Nel Molise, la notte di San Silvestro è “la notte dei bufù“, durante la quale si eseguono le maitunate, i canti augurali e di questua intonati per il Capodanno. Maitunata (o maitenata) sta per “mattinata”; fare cioè festa nell’attesa del mattino, del nuovo giorno e del nuovo anno. Infatti, l’incipit di molte maitunate era Bonnì …
Continua a leggere La notte dei bufù

La pizzica

La pizzica è l’espressione tradizionale della danza salentina: deriva dalla cultura del tarantismo, cioè dalla credenza popolare che chi veniva morso dalla tarantola poteva guarire dai forti dolori e dagli spasmi che il suo morso provoca, solo ballando incessantemente per ore al ritmo incalzante dei tamburelli. Oltre a questa forma originaria, chiamata “pizzica pizzica”, troviamo la “pizzica …
Continua a leggere La pizzica

Musica tabarkina

Qualche anno fa, un nostro associato ci segnalò il gruppo musicale Marenostrum di Carloforte, una minuscola cittadina sull’isola di San Pietro, in Sardegna. Ci è sembrato molto interessante il loro lavoro: ricerca recupero e sperimentazione del patrimonio musicale che si lega alla tradizione tabarkina. Gli abitanti di Carloforte sono detti Tabarkini perchè discendono da un’antica comunità di liguri che …
Continua a leggere Musica tabarkina

Il trallallero

L’arte del “trallallero“(terminologia derivata dall’onomatopea tra-la-la) va di pari passo con la storia di Genova con radici che risalgono al XI secolo e si espandono sino al XV secolo, grazie al commercio con l’Oriente e al controllo esercitato su Liguria e Corsica. Questo canto di divertimento, di origine rurale, diventerà il canto di uomini-lavoratori del …
Continua a leggere Il trallallero

Il cantamaggio

L’usanza popolare dei canti di questua affonda le sue radici nella cultura dell’ospitalità, legata all’impossibilità di sapere se il forestiero che bussava all’uscio di casa fosse realmente un uomo o viceversa un dio sotto spoglie umane. Questa insicurezza è una delle fonti della cultura dell’accoglienza, quella cultura che impone di dimostrare benevolenza al viandante, viaggiatore …
Continua a leggere Il cantamaggio

I canti di passione

I canti di passione del giovedì o venerdì santo sono sicuramente una forma antichissima di teatro popolare, in cui il canto accompagna la rappresentazione mimica del martirio di Cristo, spesso con figuranti in costume. In tutta Italia ritroviamo una radicata tradizione che si svolge nella settimana tra la domenica delle palme e Pasqua, che porta strada …
Continua a leggere I canti di passione

La musica Arbëreshë

Nel centro e sud dell’Italia, in particolare in Calabria e Basilicata, esiste una comunità che, anche se distribuita sul territorio in modo apparentemente disorganico, possiede una identità così forte e radicata da costituire una vera e propria nazione, seppur frammentata e sparsa; è la comunità Arbëreshë. Si tratta di una popolazione di lingua Albanese insediatasi …
Continua a leggere La musica Arbëreshë

L’ottava rima cantata

In Italia esiste una forma espressiva che appartiene tanto ai grandi scrittori trecenteschi come Boccaccio, quanto alla gente delle campagne e montagne dell’Italia centrale. Si tratta delle strofe in “Ottava rima”. Tecnicamente l’ottava (o ottava rima) è una strofa composta da otto endecasillabi, di cui i primi sei a rima alterna e due a rima …
Continua a leggere L’ottava rima cantata